scp

Aggiungo qualche promemoria sull’utilizzo di scp (secure copy).

– Eseguire la copia di un file da host locale a host remoto:

$ scp nome_file utente@IP_ADDRESS_HOST_DESTINAZIONE://percorso/alla/dir/di/destinazione/

per copiare una intera directory aggiungere l’opzione “r” prima della sorgente dati, per esempio:

$ scp -r nome_directory utente@IP_ADDRESS_HOST_DESTINAZIONE://percorso/alla/dir/di/destinazione/

– Eseguire la copia di un file da host remoto a host locale:

$ scp utente@IP_ADDRESS_HOST_REMOTO://percorso/alla/dir/di/origine /percorso/alla/dir/di/destinazione/

Annunci

primo script in python | da gradi sessagesimali a gradi decimali

Pubblico il mio primo timido script “operativo ” in python. E’ frutto di un misto tra studio e tentativi vari spulciando tutorial in rete, un piccolo pocket libro e il famoso “diveintopython” :-).

Il lavoro che presento è l’evoluzione del piccolo script che, attendendo gli input dell’utente, converte i gradi, primi e secondi di un angolo in formato sessagesimale (una coordinata geografica in lat-lon per esempio) in formaro decimale (molto utile per l’elaborazione in molti programmi GIS).

In questo secondo step invece viene letto un file in formato .CSV contenente gli angoli nel formato gradi, primi, secondi (con la virgola come separatore) e viene generato un nuovo file (.CSV) con gli angoli convertiti nella forma decomale. Ecco lo script:

========================

from __future__ import division
angoli= open( “/home/sit/python/angoli.txt”, “r” ) # apre in lettura il file che contiene gli angoli da elaborare
angoli_trasformati=open(“/home/sit/python/angoli_trasformati.txt”, “w”) # genera un nuovo file che conterra’ i risultati
for angolo in angoli:
try:
g, p, s = angolo.strip().split( “,” ) # crea una tupla eliminando eventuali spazi tra valori e separandoli (i valori) con una virgola “,”
res =  float(g), float(p), float(s), (float(g)+(((float(s)/60)+float(p))/60)) # calcola il valore dell’angolo in formato decimale
print res
print>>angoli_trasformati, res # restituisce l’output sul file creato in precedenza
except ValueError:
pass
angoli.close() # chiude lo stat sul file aperto
angoli_trasformati.close() # chiude lo stat sul file generato

========================

ogni commento e’ benvenuto

script per backup periodici di database postgresql/postgis

Una delle cose belle di Linux e’ che ti spinge a curiosare nel suo “mondo”; si scoprono cose davvero fantastiche per quanto semplici.

Per esempio: avevo necessita’ di eseguire un backup di alcuni database potgresql/postgis in maniera continua (su HD removibile HP RDX 320 GB)

Ho creato uno script per fare tutto cio’; in un secondo momento ho modificato il CRONTAB della macchina per fare in modo che questo script venga eseguito ad una certa ora del giorno.

Partiamo dall’inizio:

– con l’editor “nano” creiamo il file “backup.sh” nella directory “/usr/bin/

cd /usr/bin

nano backup.sh

e lo compiliamo nel modo seguente:

#!/bin/bash

export PGPASSWORD=”mia_password_del_db” && pg_dump -h localhost -U user -c -d -R -v nome_database -n nome_schema > /percorso/dove/salvare/il/file.sql

L’istruzione “export PGPASSWORD=”mia_password_del_db” permette di dichiarare la password stessa senza doverla inserire ogni volta che lo script viene lanciato (questo renderebbe inutile un backup notturno in quanto il prompt si aspetterebbe l’immissione della pwd a mano).

Chiudiamo nano e salviamo il file. Rendiamolo eseguibile (da root):
# chmod +x /usr/bin/backup.sh

Modifichiamo il crontab per eseguirlo ad una certa ora del giorno:

@ crontab -e

e inseriamo le seguent righe:

00 04 * * * /usr/bin/backup.sh

In questo modo il backup viene lanciato ogni giorno alle 4 di mattina.